Via Leonardo da Vinci, 2, 25010 San Zeno Naviglio BS   /   Contatti  -   Orari

Trattamento drenaggio e rassodamento (radiofrequenza)

Prezzo da € 60 senza principi attivi
Prenotazione chiamando o presso il centro
Orari gli stessi del centro

Specifiche del trattamento

La radiofrequenza per il corpo si rivolge ai principali inestetismi quali cellulite, ritenzione idrica con comparsa di edemi, perdita di tono e lassità dei tessuti,  adiposità localizzata.  In effetti la radiofrequenza  per il corpo  si aggiunge a quelle funzionalità offerte dall’estetica avanzata, come la cavitazione, per contrastare le adiposità. Ne beneficia anche la circolazione cutanea, che diventa più attiva, il tessuto linfatico ne trae dei miglioramenti e viene favorita l’eliminazione delle tossine.

Utilizzare la radiofrequenza  per il corpo in campo estetico significa trasmettere alla pelle delle onde elettromagnetiche tramite un apparecchio appositamente creato che attraversando gli strati più profondi di derma e ipoderma incontrano una resistenza sempre più alta che viene convertita in energia termica. Questa raggiunge i fibroblasti, le cellule più numerose del tessuto connettivo, responsabili della produzione degli elementi fondamentali del derma (collagene, reticolari, fibre elastiche, glicoproteine, acido ialuronico). I fibroplasti non più attivi, chiamati fibrociti, vengono riattivati dalle onde elettromagnetiche trasformate in calore  e riprendono la loro funzione,  fondamentale per la salute e l’aspetto della nostra pelle.

A seconda dell’apparecchio utilizzato per emanare le onde, la radiofrequenza si differenzia  in monopolare, bipolare e multipolare. La tecnologia per il corpo  utilizzata in Otium è bipolare/multipolare di ultima generazione  con cromofrequenza.

La monopolare prevede, nel circuito elettrico che trasmette la corrente e le onde, il cliente come parte integrante nel circuito: un elettrodo è posto sul manipolo e quello di ritorno su una piastra che tocca il corpo del cliente.

Bipolare e multipolare : la macchina prevede due o più  elettrodi, situati sul manipolo e l’azione sarà, in questo caso, più superficiale ma più concentrata alla porzione di pelle a contatto con il manipolo.

L’operatrice o l’operatore si serve di un generatore di onde elettromagnetiche, che, per mezzo di un manipolo, viene passato sulle zone interessate, dopo che queste ultime sono state cosparse con un gel. Le onde producono degli effetti elettrotermici, che sono in grado di eliminare gli accumuli adiposi e di contrastare il ristagno di liquidi. Inoltre viene stimolata la produzione di nuovo collagene e di fibroblasti. Ne risulta che la pelle acquista un maggior tono e una migliore elasticità.

Ogni zona del corpo può essere sottoposta al trattamento: dopo un’accurata consulenza gli operatori di Otium potranno consigliare priorità e percorsi personalizzati in base alle varie esigenze.
Per l’addome la radiofrequenza è particolarmente adatta in casi di lassità post partum o dovuta all’invecchiamento;
per le cosce e i glutei: per rassodare e migliorare l’aspetto di gambe e glutei, zone soggette, con l’avanzare dell’età, al rilassamento tissutale;
per le braccia: anche il rilassamento cutaneo delle braccia , in particolare della zona dell’interno braccia, può essere risolto con alcune sedute di radiofrequenza che riporteranno la pelle ad un buon  grado di tonicità;

Per quanto alcuni benefici abbiano effetto immediato, i risultati della radiofrequenza sono visibili di solito dopo alcune sedute. Ognuna  dura almeno 50 minuti,  a seconda  delle zone interessate.  Il trattamento risulta in genere piacevole: la sensazione  è quella di un calore più o meno elevato nella zona intorno al manipolo. I cicli prevedono una serie di sedute variabile  a seconda dei casi. Tra una seduta e l’altra è consigliato un intervallo di una settimana, durante il quale si ottimizzano gli effetti della seduta precedente. I benefici del trattamento eseguito secondo il corretto protocollo, cioè numero di sedute e frequenza,  durano da 6 a 7 mesi durante i quali è opportuno  sospendere le sedute.

È importante comunque affidarsi alle indicazioni degli operatori che che illustreranno  chiaramente le controindicazioni al trattamento  prima di iniziare il ciclo di sedute. Informazioni presenti anche nel consenso informato che il personale è tenuto a far firmare prima della seduta.

In linea di massima, la radiofrequenza non  può essere effettuata su donne in gravidanza, su portatori di pace-maker, su soggetti affetti da aritmie cardiache e da episodi di epilessia e non può essere effettuata durante assunzione di farmaci anticoagulanti o in presenza di infezioni cutanee.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi